I Giardini la Mortella: una sinfonia floreale a Forio d’ischia

I Giardini la Mortella: una sinfonia floreale a Forio d’ischia
in foto: I Giardini La Mortella. Foto di Miles Berry

Forio d’Ischia, una località situata su una delle più belle isole del Golfo di Napoli, ospita un segreto che riporta in un’ambientazione da sogno. Si tratta del Giardino La Mortella, situato in località Zaro, uno spazio realizzato per dare vita al sogno di lady Susana, moglie del compositore britannico William Walton. Il noto artista scelse l’isola di Ischia come ritiro spirituale e la moglie Susana volle realizzare uno spazio che avrebbe fatto da cornice alla creatività del marito. Il risultato è stato il fantastico mondo dei Giardini La Mortella.

I Giardini La Motella: una storia d’amore

Giardini La Mortellain foto: Giardini La Mortella. Foto di Miles Berry

I Giardini La Mortella rappresentano un fantastico sogno fatto di vegetazione mediterranea e subtropicale. L’aria copre circa due ettari di terreno ed ospita più di tre mila varietà di piante, arricchite di anno in anno. Tra le specie presenti ci sono delle vere rarità, come il loto blu del Nilo, una pianta sacra per i Faraoni che credevano fosse la rappresentazione del sole e il Ginkgo biloba, completamente scomparso e rinvenuto in Cina. Il meraviglioso parco botanico è stato realizzato dall’architetto paesaggista Russel Page nel 1959. La struttura è divisa in due parti, un giardino più basso, detto Valle e uno più alto posizionato sulla collina.

La bellezza del Giardino è ampliata dalla presenza di fontane, piscine e corsi d’acqua che permettono la crescita di specie acquatiche come il papiro, il fior di loto, già citato in precendenza e varie ninfee. Passeggiare nel Giardino de La Mortella è un’emozione unica, tra i viali su cui si affacciano le varie terrazze, si giunge fino in cima la collina dove si ammira una splendida vista sulla baia di Forio. Tra le zone del Giardino ricordiamo la Sala Thai, un luogo di medizione, la Cascata del Coccodrillo, il Ninfeo e la Roccia di Sir William, dove sono custodite le ceneri del compositore. Si tratta di una piramide naturale di pietra che William Walton dichiarò essere la sua pietra proprio il giorno in cui acquistò la proprietà. La roccia è incorniciata da un arco di pietra intagliata. Questo angolo è uno dei punti più suggestivi e belli di tutto il giardino. Inoltre ci sono tre serre tropicali, la “Victoria House”, dove viene coltivata la Victoria amazonica, la “Serra delle Orchidee” ed il “Tempio del Sole”.

Vista dai Giardini La Mortellain foto: Vista dai Giardini La Mortella. Foto di archie.photo

I Giardini dal 1991 sono aperti al pubblico e visitabili da aprile ad ottobre in alcuni giorni prestabiliti. A disposizione dei visitatori vi è anche una sala da tè, uno shop e un parcheggio gratuito. Oggi La Mortella appartiene alla Fondazione William Walton e La Mortella, che se ne prende cura e si occupa delle attività culturali. Infatti, durante l’anno il Giardino La Mortella ospita un ricco programma di eventi, come concerti di musica classica. I costi d’ingresso sono di 12 euro per il biglietto intero adulto, per i ragazzi tra i 12 e i 18 anni e gli adulti oltre i 70 il biglietto ridotto costa 10 euro. Per i bambini dai 6 agli 11 anni il biglietto d’ingresso è di 7 euro, mentre è gratuito per i bambini fino a 5 anni. I prezzi cambiano se si acquista il biglietto che prevede il concerto e la visita al giardino. In questo caso il prezzo intero adulto è di 20 euro, mentre quello ridotto è di 15 euro. Per i bambini tra i 2 e gli 11 anni il prezzo è di 10 euro.

Fonte: I Giardini la Mortella: una sinfonia floreale a Forio d’ischia